Contattaci Contattaci: +39 0583 958655

Abbinamento colori arredamento

Abbinamento colori arredamento: ecco le regole che devi seguire

Ottenere un abbinamento colori arredamento perfetto non è un compito semplice, specie se si è alle prime armi. Le variabili da tenere in considerazione sono moltissime e questo può indurre incertezza e timore quando si provano gli abbinamenti colori più disparati. Abbinare colori può non essere semplice e intuitivo per tutti, anche se per alcuni risulta piuttosto naturale.

Un accostamento di colori azzeccato richiede una certa dose di gusto e consapevolezza di alcune semplici leggi fisiche. Tutto questo deve fare rima con il concept che si vuole dare a tutto l’arredamento. È inutile ottenere colori abbinati tra di loro che però non riescano a trasmettere una particolare sensazione, un determinato stile.

Uno standard da seguire a pennello di certo non esiste, eppure ci sono alcune regole basilari dalle quali si può trarre spunto. Se stai cercando di destreggiarti nel mondo dell’abbinamento colori arredamento, non temere. In questa guida, troverai tutto quello che c’è da sapere su questo mondo e i principali trucchi per non sbagliare mai.

Cos’è la palette colori

Ne avrai sentito parlare diverse volte, ma cos’è la palette colori? La palette colori non è altro che uno schema di riferimento sul quale basare l’intero arredamento di una stanza o di un appartamento. Nella fattispecie si tratta di due o massimo quattro colori che si abbinano bene tra di loro e che costituiscono tutta la scelta cromatica di un ambiente.

Hai mai sentito il detto less is more? Si tratta di una locuzione in inglese che letteralmente significa “meno è di più”. Sembra un ossimoro, ma in fatto di arredo questo concetto non potrebbe essere espresso con parole più giuste. L’essenzialità, l’evitamento di ripetizioni e la riduzione all’osso sono le fondamenta di qualsiasi stile di arredo che sia raffinato e pensato ad arte.

Lo stesso concetto si applica per la scelta dei colori ed è per questo che la palette tende a essere ridotta. I principianti, infatti, pensano che per raggiungere un effetto ricco e variegato bisogna aggiungere quanto più. Questo non è altro che un errore grossolano dato dall’inesperienza. La cura di un ambiente si nota di più nella riduzione al minimo, nelle scelte drastiche. Ti è mai capitato di vedere un ambiente con più di quattro colori? L’effetto risultante sarà sicuramente quello del povero o del pacchiano.

Accostamenti colori

E allora quali sono gli accostamenti colori corretti? Esiste una regola? In parte sì. Infatti, alcuni colori si abbinano bene con altri a causa delle loro particolari proprietà fisiche e al modo di rispondere alla luce. Vi sono più metodi per bilanciare gli abbinamenti dei colori in modo corretto. Non si tratta di leggi assolute, ma di punti di partenza sui quali basare il proprio gusto di arredo.

Vediamo insieme quali sono i metodi più utilizzati per gli abbinamenti di colori. 

Abbina i colori con la regola del 60 – 30 – 10 

Abbina i colori con la regola del 60 – 30 – 10 e vedrai che le possibilità di commettere errori si abbasseranno drasticamente. Si tratta di una regola che ti permette di scegliere in modo semplice tre colori che andranno a formare la tua palette cromatica. Il nome di questa regola dipende dalle proporzioni che rappresenta.

Secondo questo metodo, infatti, in ogni ambiente o in tutto l’appartamento c’è bisogno di tre colori. Il colore principale ricoprirà il 60 per cento dello spazio e sarà dunque quello preponderante. La metà in proporzione, cioè il 30 per cento, sarà ricoperto dal colore secondario. Infine, il 10 per cento è rappresentato dal cosiddetto colore d’accento.

In base a questo metodo, ogni colore non solo possiede una proporzione particolare, ma ricopre anche un ruolo specifico. Vediamo quali sono.

  • Colore principale. Il colore principale ricopre più della metà dell’ambiente. Si tratta del colore scelto per pavimentazioni, pareti e mobilio. Spesso si tratta di un colore di tipo neutro, come il bianco o il grigio. Ma non sempre. Negli ambienti più contemporanei il colore principale può essere anche il nero oppure un colore sgargiante come il giallo o il rosso.
  • Colore secondario. Il colore secondario ricopre il trenta per cento dell’ambiente. Si usa per alterare il colore principale nel mobilio, nei sanitari se si sta arredando il bagno, o negli elettrodomestici se si parla della cucina. Il suo ruolo è quello di creare profondità e variare sul tema.
  • Colore d’accento. Il colore d’accento si chiama così perché mette in evidenza i dettagli. È il colore scelto per gli accessori e per gli oggetti decorativi. Di solito questo colore contrasta con i precedenti per mettere ancora più in risalto i particolari.

Colori arredamento con il cerchio di Itten

Scegli i colori arredamento con il cerchio di Itten per provare un metodo rinomato. Si tratta di un sistema per capire in modo semplice e intuitivo quali colori si possono abbinare insieme. Sicuramente ti sarà capitato di vedere la ruota dei colori, chiamata anche cerchio cromatico. Essa è molto utilizzata in arte, design e arredamento. 

Tra i colori, infatti, esiste una corrispondenza tonale che va per gradi come le note di una scala di pianoforte. Per capire quali colori sono in accordo tra di loro, questo cerchio mette in correlazione colori primari, secondari e terziari. Così, ti sarà possibile riconoscere a colpo d’occhio quali sono i colori più adatti per il tuo arredamento e sceglierne tre tutti in accordo tra di loro.

Utilizzare il cerchio è molto semplice. Alcuni colori sono complementari, cioè si trovano in posizioni opposte sul cerchio di Itten. Un esempio di questi accostamenti sono l’arancione e il blu. L’arancione è infatti l’insieme degli altri due colori primari: rosso e giallo. Ma con il cerchio cromatico non avrai bisogno di ragionare: ti basterà seguire la direzione della freccia per scoprire se i colori sono abbinabili o no.

Colori pareti

La scelta più faticosa quando si realizza una palette colori riguarda i colori delle pareti. Da una parte si tende a scegliere colori per pareti molto neutri come il bianco, il grigio, il tortora o il beige. È la scelta più cauta e forse per chi è alle prime armi è anche consigliabile. Ma questa decisione va a scapito della creatività e dell’espressione della personalità.

D’altra parte le pareti colorate di toni sgargianti come rosso, blu, giallo sono più difficili da abbinare con il resto dell’arredamento e questo può ingenerare non pochi dubbi. Sarà possibile trovare sempre i mobili adatti alla propria palette colori? Non si correrà forse il rischio di tentare abbinamenti azzardati e troppo forti?

In realtà, esistono ancora altre variabili da prendere in considerazione per optare per la palette colori corretta, a prescindere dai gusti personali. In particolare, considera l’ampiezza del tuo appartamento e la sua luminosità. Se la tua casa è piccola e poco esposta alla luce naturale, ti consigliamo vivamente di optare per colori chiari e soprattutto caldi.

Ma cosa significa colori caldi? Esiste una distinzione fondamentale di cui dovrai prendere nota. I colori sono divisi in caldi, freddi e neutri.

  • Colori caldi. I colori caldi sono quelli che assomigliano di più alla luce di una lampadina gialla o di una candela. Donano una sensazione accogliente, intima: calda, appunto. Tra i colori caldi per eccellenza abbiamo il rosso, il giallo, ma anche molti marroni, il tortora e un certo tipo di beige.
  • Colori freddi. Al contrario, i colori freddi sono quelli che tendono di più verso il colore di un flash di un telefonino. Essi sono il blu, il viola, il verde.
  • Colori neutri. I colori neutri sono quelli che nella cultura tradizionale “si abbinano con tutto”. Sono precisamente il bianco, il nero e il grigio.

Con questa premessa andiamo a vedere quali sono i colori più indicati per ogni area della casa.

Colori pareti cucina

Quando si scelgono i colori pareti cucina bisogna prendere in considerazione due fattori principali. Il primo è il gusto estetico. E il secondo è sicuramente la praticità. Non dimenticare infatti che la cucina tende a sporcarsi molto. Contrariamente a quanto si pensi, un ambiente risulta molto più pulito quando le pareti e i pavimenti sono netti e minimali. È un falso mito che alcuni rivestimenti possano “nascondere lo sporco”.

Ma quali colori scegliere? La cucina è un ambiente importante della casa anche quando è separata dal soggiorno. In questo caso, ti consigliamo di optare per colori non troppo vistosi e dare prevalenza alla praticità. Se cerchi dei colori caldi, opta per il tortora oppure i marmi.

Colori pareti soggiorni

I colori pareti soggiorni ricoprono un ruolo fondamentale forse nell’arredamento dell’intera casa. È questo il luogo adibito al relax, ma anche all’accoglienza degli ospiti. Per questo motivo la prima cosa che viene da pensare è scegliere dei colori caldi, capaci di veicolare un senso istantaneo di comfort.

In effetti, i colori pareti soggiorno più indicati sono quelli della pietra, dei legni naturali, il marrone, il giallo. Questi colori sono in grado di trasmettere un senso di calore e sono perfetti con uno stile di arredamento vintage o classico.

Al contrario, se il tuo stile di arredo è più moderno o contemporaneo, ti consigliamo di optare per colori neutri e puntare tutto sui colori d’accento. Un’ottima idea è quella di avere pareti grigie o bianche, contrappuntate da elementi di arredo dal carattere forte come il giallo limone, l’ardesia o il verde salvia. Non sottovalutare quest’ultimo colore: è uno dei più utilizzati nei più recenti trend di arredo.

Colori pareti camera da letto

Scegliere i colori pareti camera da letto è indispensabile ed è una scelta molto personale. Del resto si tratta di quello che vedrai tutti i giorni prima di addormentarti! A questo proposito, ti ricordiamo che secondo la cromoterapia sono il blu, il verde e il giallo a favorire il sonno. Al contrario, il viola non sarebbe adatto a rilassare mente e corpo!

Il nostro consiglio è quello di seguire questa regola, ma di personalizzarla quanto basta per ottenere un ambiente esclusivo e di classe. Non scegliere quindi verde, blu e giallo puri. Prova delle varianti più moderne come il color petrolio o ancora una volta il verde salvia. Non escludere anche le tonalità del rosa come il cipria o il rosa chiaro. E i sonni rilassanti sono garantiti.

Colori pareti bagno

Passiamo ora ad abbinamento colori pareti bagno. Questo ambiente domestico è molto importante perché è l’emblema del benessere e del sentirsi a casa. Il colore da scegliere dipende molto dallo stile di arredo. Nei bagni classici si consigliano colori neutri e poco invadenti, per fare da contraltare all’eleganza dei sanitari e degli arredi.

Nei bagni moderni, invece, si può optare anche per colori più scuri o sgargianti. L’importante è cercare di far quadrare tutto con l’illuminazione, fondamentale nei bagni contemporanei. In questo modo ti sarà possibile creare nuovi giochi di luce e profondità anche dove sembrava impensabile.

Tendenza colori pareti

Chiudiamo questa guida presentando la tendenza colori pareti anni 2020. Ogni decennio, si sa, ha le sue mode. Alcuni colori vanno molto negli ultimi anni e altri sono ritornati in voga dopo molto tempo. Vediamo allora quali sono i colori più richiesti in questo momento. 

  • Blue naval. Il blue naval è un blu molto profondo e distaccato. È stato definito il colore di arredo del 2020 e ancora oggi continua a essere molto richiesto. Forse sarà presto nominato anche il colore del decennio?
  • Rosso porpora. Il rosso porpora è un colore molto intenso, dall’aria regale. Negli ultimi anni è sempre più utilizzato anche nel campo dell’arredamento. I colori caldi rappresentano una vera e propria tendenza, indice di personalità, impiegata soprattutto per i soggiorni e le cucine.
  • Grigio. Il grigio è un colore che non passa mai di moda e riconferma la sua posizione in classifica anche durante questo decennio. Forse a causa della crescente popolarità dello stile industrial con i suoi graffianti rivestimenti in pietra?
  • Verde salvia. Il verde salvia è uno di quei colori tornati di moda dopo qualche tempo. È un colore fondamentale per lo stile vintage e provenzale, insieme ad altre tonalità come il rosa pesca, il cipria e altri colori pastello.

 

Lasciati ispirare dalle nostre soluzioni d’arredo. Vieni a visitare i nostri Showroom.

Richiedi un appuntamento

    Acquadolce
    è un marchio del
    Gruppo Martinelli
    © 2023 Acquadolce

    C.F.- P.IVA – 00415390467

    PEC: martinellispa@pec.it  Numero REA: LU – 90871  Capitale Sociale: 1.500.000,00

    Privacy Policy Cookie Policy